La lama del rasoio

Cosa ci fanno un italiano, un americano ed un francese? Nulla!

Questo è il tipo di domanda che il vicequestore Mastrantonio si pone davanti a tre omicidi in una calda estate romana degli anni ’90.

Marcello Mastrantonio di solito si occupa di truffe e scartoffie ma stavolta avrà a che fare con tre casi totalmente slegati tra di loro e con piste che non portano a nulla, il tutto condito da un’organizzazione che gestisce combattimenti tra cani.

Le banalità in un’inchiesta di omicidio non esistono!

Mastrantonio è un tipo simpatico, sveglio, scaltro, ci mette passione nel suo lavoro ma attualmente sta aspettando le care e amate vacanze estive.

“… “Gradisce una flûte di prosecco gelato? O forse non beve in servizio?”

“Lo dicono solo nei film americani. Vada per il prosecco”…”

Mastrantonio sarà in prima linea ma non riuscirà a risolvere il rompicapo, se non dopo la sua illuminazione!

… il “satori”, secondo i buddisti, è l’illuminazione che arriva in un lampo, quasi sempre nei momenti meno adatti, tipo mentre ti lavi i denti o prepari una crostata. Uno squarcio di consapevolezza totale e assoluta che giustifica una vita intera di ricerca spirituale …

Le false piste seguite ed il continuo trascinarsi di omicidi, sangue e paura avranno una fine del tutto imprevista, un mistero di violenza che avrà una conclusione!

Il libro è scritto da Massimo Lugli, inviato speciale di La Repubblica per la cronaca nera.

Leggi anche: Milano Cold Cases

Annunci

Pubblicato il 8 gennaio 2014, in Libri con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: