La prova in sede civile

Consiglio: prima leggi l’articolo La disciplina della prova!

L’art. 115 c.p.c.  prevede che il giudice deve porre a fondamento della decisione le prove proposte.

Qui vige il principio dell’onere della prova, secondo il quale chiunque voglia far valere in giudizio un diritto deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento.

Secondo il principio della tipicità dei mezzi di prova si suole distinguere tra:

  • prove piene: idonee a dimostrare con certezza la veridicità dei fatti cui si riferiscono;
  • prove di verosimiglianza: favoriscono il convincimento del giudice circa l’attendibilità del fatto invocato dalla parte pur non fornendo dimostrazione assoluta;
  • argomenti di prova: pur non possedendo pieno valore probatorio offrono al giudice elementi per la valutazione di altre prove o, più in generale, dell’intero procedimento giudiziario.

L’art. 116 c.p.c. stabilisce che il giudice deve valutare le prove secondo il suo prudente apprezzamento, salvo che la legge disponga altrimenti.

Distinguiamo inoltre tra:

  • prove legali: hanno un’efficacia vincolante per il giudice, il quale non può in ogni caso disattendere (es. confessione giudiziale)
  • prove atipiche: seppur non previste da nessuna norma di legge, viene ricostruita una valenza probatoria in forma meramente indiziaria (es. prove raccolte in un altro procedimento civile, scritture e dichiarazioni provenienti da terzi, verbali della Pubblica Amministrazione)

All’interno del processo civile assumono grande rilevanza le prove precostituite, le quali hanno la caratteristica di essere state formate al di fuori del processo ed entrarvi per effetto della loro produzione a opera delle parti.

Le principali prove precostituite sono l’atto pubblico, la scrittura privata e le riproduzioni meccaniche.

Infine, si considerano le prove costituende, ovvero quelle che entrano nel processo solitamente su istanza di parte e, se ammesse da giudice, vengono assunte durante la fase istruttoria del processo.

Le principali prove costituende sono la confessione, il giuramento, l’interrogatorio formale, la prova testimoniale, l’ispezione, l’esibizione.

Leggi anche:  La prova in sede penale

Annunci

Pubblicato il 14 giugno 2013, in Di tutto un po' con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: