Pillole di storia

Le origini degli Istituti di Polizia Privata risalgono intorno al 1880: privati cittadini costituiscono un corpo di guardie notturne allo scopo di provvedere ad una speciale sorveglianza delle case, negozi e magazzini degli associati a tale istituzione.

Le prime disposizioni legislative furono quelle sul regolamento approvato con R.D. 4 giugno 1914, n°563: il Prefetto può dare licenze per l’esercizio di speciali istituti che provvedono, mediante guardie particolari, alla vigilanza e alla custodia dei beni.

Restavano però da regolare altri istituti che offrivano al pubblico funzioni investigative e di altra natura dal contenuto specialmente di vera Polizia.

Il pioniere della professionalità dei detective in Italia è Raffaele De Iatta, il quale reclama il pensiero che la legge italiana, avendo limitato il campo degli Istituti di Investigazione alla sola raccolta di informazioni per conto di privati, ha ridotto l’attività del detective ad una banalissima azione informativa per conto di terzi ed è ben lontana dall’aver disciplinato la vera funzione del detective.

Arriviamo al Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, emanato con il R.D. 18 giugno 1931, n°773, ovvero la norma fondamentale nell’ordinamento giuridico italiano per le materie relative alla Pubblica Sicurezza.

Fin dall’inizio fu visto come un testo di polizia amministrativa che regolò con precisione le modalità di controllo statale delle attività dei privati che potessero rilevare ai fini della sicurezza pubblica e diede finalmente una compiuta definizione di molti punti lungamente dibattuti in giurisprudenza ed in dottrina.

A tutt’oggi l’attività di investigazione privata è regolata principalmente dal Titolo IV di questo testo. Si tratta però di una normativa considerata superata ed insufficiente ed è attualmente in fase di revisione in seguito agli interventi della Corte di Giustizia europea.

Nel 1962, grazie alla sentenza dell’avv. Lorenzo Moraschi è stata riconosciuta, dalla Magistratura, la professionalità dell’attività dei detectives. Possiamo perciò considerare questa caratteristica definitivamente acquisita.

Dal 1964 in poi, la categoria ha effettuato più di un tentativo di ottenere l’istituzione di un Ordine Professione degli Investigatori Privati e del relativo Albo. Il tempo ci aiuterà.

Con l’entrata in vigore del nuovo Codice di Procedura Penale (1989) è stata esplicitamente richiamata la necessità di una nuova disciplina sugli investigatori privati e l’apporto investigativo del detective professionista è stato espressamente previsto in quanto indispensabile al nuovo impianto processuale.

La storia continua …   Investigazioni …

Annunci

Pubblicato il 22 ottobre 2012, in Storia e informazioni base con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: